Cos'è un Power Purchase Agreement (PPA)?

Definizione

Un Power Purchase Agreement (PPA) è un accordo di fornitura di energia elettrica a lungo termine tra due parti, di solito tra un produttore di energia elettrica (seller) e un consumatore o distributore di energia elettrica (buyer). I PPA definiscono nel dettaglio tutti i termini e le condizioni per la vendita e l'acquisto di energia elettrica, compresi il volume di elettricità da fornire, i prezzi negoziati, il bilanciamento tra produzione e consumi e le penali in caso di inadempimento del contratto. Trattandosi di un accordo bilaterale, il PPA può assumere varie forme ed essere adattato alle parti. Le forniture di energia elettrica possono essere fisiche o avvenire attraverso gruppi di bilanciamento. Poiché i PPA possono ridurre i rischi legati ai prezzi di mercato, sono utilizzati in particolare dai grandi consumatori di energia elettrica e nel caso di investimenti importanti previsti per la costruzione o il mantenimento di impianti di energia rinnovabile.

Per PPA si intende l’espressione inglese “ Power Purchase Agreement” , ovvero contratto di acquisto dell’energia che un soggetto grossista (trader) offre al proprietario di impianti di produzione. E’ un termine spesso impiegato nell’ambito di gare indette da produttori per la selezione della società di trading acquirente. Centrali Next e Next Kraftwerke hanno esperienza nei principali mercati europei come controparte per l’acquisto dell’energia.

I vantaggi dello stipulare contratti di acquisto nel libero mercato sono le condizioni più vantaggiose di acquisto dell’energia e la possibilità di delegare le responsabilità della partecipazione ai mercati e nei confronti di Terna, per quanto concerne gli sbilanciamenti, all’acquirente. Quest’ultimo, grazie alla qualità delle previsioni di generazione e all’esperienza nel trading nei mercati, riesce a eliminare i gravosi oneri di sbilanciamento per il produttore, che riesce quindi a guadagnare di più e rientrare più in fretta dall’investimento.

I contratti PPA possono avere durate differenti in base alle esigenze del produttore. I più comuni sono i contratti annuali, ma sono possibili formule più brevi o più lunghe.

Contratti più brevi assicurano la massimizzazione il valore dell’energia in quanto sono ridotti i costi legati ai rischi dovuti alla sottoscrizione di contratti più lunghi.

Contratti PPA di lungo periodo sono invece più interessanti per impianti di nuova costruzione privi di incentivo, i cosiddetti impianti in “market parity”. La loro durata varia dai 2-3 anni fino ai 10 anni. Contratti così lunghi assicurano un introito per un periodo più lungo al proprietario ma sono più onerosi per i costi legati ai rischi (ad esempio di cambio normativa) e alle garanzie.

Nei contratti per il ritiro di energia a breve e medio termine (fino a 2 anni) è molto più comune che il prezzo di acquisto sia indicizzato al prezzo zonale formatosi nel MGP, mentre per quelli a lungo termine (dai 5 ai 10 anni) sono più spesso associati ad un prezzo fisso (€/MWh) di acquisto dell’energia.

Tipologie diverse di Power Purchase Agreement

I PPA sono contratti bilaterali e godono quindi, in linea di principio, della libertà contrattuale. Questo rende difficile la loro classificazione o la sistematizzazione dei diversi tipi di Power Purchase Agreement. Inoltre, alcune caratteristiche contrattuali sono comuni a diverse tipologie di PPA. Abbiamo comunque cercato di stilare una classificazione approssimativa dei diversi tipi di Power Purchase Agreement.

PPA fisici (noti anche come physical PPA)

Esistono tre tipi di PPA fisici, alcuni dei quali si sovrappongono in parte. In comune hanno una definizione precisa della quantità di elettricità venduta e da fornire nel PPA. Si differenziano solo per la modalità di fornitura.

  • PPA on-site: Il PPA on-site prevede una fornitura fisica diretta di energia elettrica, pertanto è obbligatoria la vicinanza fisica tra produttore e consumatore. L'impianto di produzione deve essere situato dietro il contatore del consumatore (behind the meter – BTM), ad esempio sul sito aziendale del medesimo. Con un PPA on-site non si applicano oneri come i corrispettivi di rete per l'energia elettrica prodotta dall'impianto, in quanto questa è fornita al cliente attraverso una linea elettrica diretta e non attraverso la rete pubblica. Il dimensionamento dell'impianto e di conseguenza l'accordo di fornitura di energia elettrica si basano solitamente sul profilo di consumo del consumatore. Il gestore di rete può farsi carico dell'approvvigionamento di energia elettrica residua se l'impianto on-site non è in grado di coprire il fabbisogno di energia elettrica, ad esempio durante i periodi di manutenzione. Poiché l'elettricità generata con un PPA on-site riduce direttamente il consumo di un'impresa, tutti i PPA on-site sono anche corporate PPA. Esempio: Un'impresa industriale dispone sul proprio sito di un tetto idoneo alla costruzione di un impianto e desidera ridurre i propri costi di approvvigionamento di energia elettrica. L'azienda non vuole tuttavia investire capitale proprio nella costruzione dell'impianto, bensì esternalizzare i rischi di investimento, di progetto e d'esercizio. A tale scopo, conclude un PPA on-site con un progettista che realizzerà l'impianto fotovoltaico sul tetto del capannone e venderà l'energia elettrica prodotta all'impresa industriale.
  • PPA off-site: Con un PPA off-site non avviene alcuna fornitura fisica di energia elettrica tra l'impianto e il consumatore. Il contratto prevede piuttosto l'acquisto bilanciato di una certa quantità di elettricità prodotta. Rispetto al PPA on-site, il produttore fornisce elettricità al consumatore attraverso la rete pubblica. La fornitura deve essere, pertanto, ulteriormente gestita tramite i gruppi di bilanciamento dell'impianto che produce e del consumatore che acquista. L'impianto di produzione non deve essere realizzato necessariamente nelle immediate vicinanze del consumatore. Ne deriva una maggiore flessibilità, poiché il gestore dell'impianto può scegliere località con condizioni ottimali per l'installazione del proprio impianto eolico o fotovoltaico o un impianto già esistente. Un impianto può anche concludere più Power Purchase Agreement con diversi clienti, ai quali vengono accreditate parti della produzione di energia elettrica attraverso i rispettivi gruppi di bilanciamento. Il prezzo della fornitura di energia elettrica è negoziato nel PPA. In questo modo tutti i partecipanti godono dei vantaggi della sicurezza del prezzo a lungo termine. Il gestore di rete continua a ricevere gli oneri e i corrispettivi di rete. I certificati verdi generati con la produzione di energia elettrica possono e vengono solitamente trasferiti al cliente. Esempio: Un'impresa della Germania meridionale vorrebbe acquistare elettricità verde ma non dipendere dall'andamento dei prezzi sulla borsa elettrica o del suo precedente fornitore. Per questo motivo conclude un PPA off-site con un progettista nella Germania settentrionale. Questi costruisce un parco eolico nello Schleswig-Holstein e fornisce al gruppo di bilanciamento, al quale aderisce l'impresa della Germania meridionale, le quantità di energia elettrica derivanti dalla produzione complessiva realizzata con quell'impianto. Poiché non avviene alcuna fornitura fisica diretta, non sono dovuti tutti quegli oneri che vengono solitamente imputati per la fornitura di energia elettrica.
  • Sleeved PPA: Lo Sleeved PPA è in linea di principio un PPA off-site in cui un fornitore di servizi energetici si fa carico di vari processi e funge da interfaccia tra produttore e consumatore. Tra i possibili compiti vi sono la gestione del gruppo di bilanciamento, il raggruppamento di diversi produttori di energia elettrica in un portafoglio di impianti, la fornitura di quantità residue di energia elettrica o la vendita di surplus di energia, la preparazione di previsioni di immissione, la commercializzazione di certificati verdi o l'assunzione di vari rischi, come i costi per l'energia di bilanciamento o i rischi di inadempienza di un partner contrattuale (insolvenza).

Synthetic PPA (noti anche come Virtual PPA)

I Synthetic PPA disaccoppiano il flusso fisico dell'elettricità dal flusso finanziario e consentono in tal modo accordi contrattuali ancora più flessibili. Come nel caso dei PPA fisici, anche nei Synthetic Power Purchase Agreement (noti anche come SPPA) i produttori e i consumatori concordano un prezzo per chilowattora di elettricità. Tuttavia, l'elettricità non viene fornita direttamente dall'impianto di produzione al consumatore, bensì il fornitore di servizi energetici del produttore (ad esempio, un trader del comparto elettrico) immette l'energia elettrica prodotta nel proprio gruppo di bilanciamento e la commercializza, ad esempio, sulla borsa spot.

Nel Synthetic PPA questo flusso di energia elettrica è integrato mediante un cosiddetto contratto per differenza. In questo accordo, le parti contrattuali del PPA si impegnano a versare una compensazione finanziaria supplementare nella misura in cui il prezzo a pronti (con il quale sono stati remunerati i flussi di energia elettrica) differisce dal prezzo negoziato bilateralmente. In questo modo, ciascuno dei partner contrattuale del PPA ha due flussi di pagamento (uno con il rispettivo fornitore di servizi energetici e uno con il partner contrattuale PPA), che, sommandosi, danno il prezzo definito inizialmente nel PPA. Si ottiene così quella sicurezza del prezzo auspicata da entrambe le parti.

Poiché tra le parti contrattuali non sussiste né la fornitura fisica diretta, come nel caso di un PPA on-site, né un collegamento diretto bilanciato, come nel caso di un PPA off-site, questa forma di contratto rappresenta un tipo di PPA semplice e a basso costo amministrativo, adatto, ad esempio, nel caso in cui il produttore non gestisca e non desideri avviare un proprio gruppo di bilanciamento.

Vantaggi dei Power Purchase Agreement

La sicurezza del prezzo a lungo termine, la possibilità di finanziare investimenti in nuove capacità produttive o di ridurre i rischi nella vendita e nell'acquisto di energia elettrica sono chiari vantaggi dei PPA. Si profila inoltre la possibilità di una fornitura fisica specifica di energia elettrica con determinate caratteristiche regionali e garanzie di origine. In questo modo i clienti hanno l'opportunità di rendere il proprio marchio più sostenibile e più verde.

L'apertura del progetto contrattuale offre inoltre un ampio margine di manovra per riflettere le preferenze individuali dei gestori degli impianti e dei consumatori di energia elettrica. Quanto sopra si applica anche alla formazione dei prezzi: i PPA possono essere conclusi a prezzi fissi o consentire una maggiore partecipazione ai rischi e alle opportunità del mercato.

Svantaggi dei PPA

I PPA sono contratti complessi e richiedono spesso molto tempo e consultazioni prima di giungere a effettiva conclusione. Poiché i PPA sono contratti a lungo termine, entrambe le parti sono vincolate a condizioni a lungo termine. Ciò può comportare svantaggi se i prezzi subiscono un'evoluzione negativa per una delle due parti. Si consideri inoltre che la produzione di energia elettrica, in particolare quella eolica e fotovoltaica, può variare notevolmente. Se i volumi di energia elettrica concordati con largo anticipo non dovessero essere disponibili al momento fissato per la fornitura, il gestore dell'impianto deve essere in grado di compensarli finanziariamente o fisicamente o di esternalizzarli a terzi, ad esempio a un trader di energia elettrica.

Quanto è stato utile questo articolo?
[Numero di valutazioni: 1 Avaro: 5]